Il mondo delle cuffie, per quanto possa essere semplice, è molto variegato, sia nel professionale, sia nel comune. Ne esistono di vari tipi, ognuno adatto a situazioni diverse. Io per esempio uso moltissimi tipi di cuffie e ne uso sino allo sfinimento. Ascolto moltissima musica sia su Spotify sia su TuneIn. Sia a casa che mentre cammino. Insomma ascolto musica quasi sempre.

Per non parlare poi in questo periodo natalizio, con una tazza di cioccolata calda, il divano e le cuffie. Che bellezza!!!.

Ma come si fa a scegliere quelli più adatti, sia come tipologia che come fascia di prezzo?

Oggi con questo articolo andrò quindi a segnalarvi quali modelli io consiglio.

Natale foto creata da freepik – it.freepik.com

Avviso

Piccolo avviso: I prezzi e le offerte riguardano principalmente la data di pubblicazione o di scrittura. Non garantiamo in alcun modo che il giorno dopo rimangano gli sconti e i pezzi disponibili.

Categorie

Come ho appena scritto, esistono vari tipi di cuffie, wirless, bluetooth, con il filo, ma io ho sempre preferito la classificazione per tipo. Cioè In Ear, On Ear e Over Ear e da Gaming/Cinema.

Le cuffie In Ear

In poche parole sono quel tipo di cuffie con il gommino che si mettono all’interno delle orecchie. Il loro lato positivo è quello di essere piccole, e quindi più facilmente trasportabili. Non è un caso che la maggior parte di cuffie che vengono fornite con il telefono sono di questo tipo. Anche le ormai famose ed utilizzate True Wirless (Quelle che si collegano senza fili con il cellulare) sono di questo tipo.

Le Cuffie On Ear

Sono invece con il padiglione, queste coprono l’orecchio, ma non tutto, infatti i bordi della cuffie appoggiano all’orecchio, questo permette alla cuffia di far entrare la musica direttamente all’interno dell’orecchio, ma dopo un po’ le cuffie possono risultare fastidiose se non costruite per bene, perchè l’orecchio si sentirà schiacciato da essa.

Le Over Ear

invece sono con un padiglione più grande delle On Ear. Infatti esse riescono a ricoprire l’intero orecchio, questo permette meno fatica nel lungo periodo con le cuffie indossate, non a caso sono consigliate per guardare film, giocare o per comunque lunghe sessioni di ascolto. Sono anche infatti consigliate per gli studenti che tramite la tecnologia della cancellazione del suono esterno, possono più facilmente concentrarsi, non sentendo i rumori che possono esserci fuori dalla propria camera. Sfortunatamente per chi si ritrova con le orecchie più piccole del normale potrebbe avere dei difetti, inoltre se non costruite bene dopo un po’ si potrà sentire della pesantezza sopra la testa, quindi poi sarete costretti a rimuoverli.

Guida All’acquisto| In Ear

Fascia 10-20€

Per la fascia di prezzo più bassa vi consiglio queste Philips. Vero possono risultare scomodi e se si ha fortuna, si possono trovare delle True Wirless. Ma c’è da considerare anche i lati positivi, innanzitutto hanno il gommino. Infatti io non consiglio più di comprare cuffie senza, una volta mi sono graffiato l’orecchio per il troppo ascolto con cuffie senza gommino. Inoltre hanno il microfono. Infatti con la metà del prezzo c’era lo stesso modello senza microfono. Ma ho preferito suggerirvi queste perchè se vengono usate in uno smartphone, il microfono può sempre tornare utile.

Sfortunatamente però il cavo risulta essere alla vista poco resistente e quindi bisogna stare attenti, inoltre il filo può risultare fastidioso. Ma trovare true wirless sempre disponibili a questo prezzo è un po’ difficile.

Fascia sotto i 50€

Su questa fascia di prezzo voglio consigliarvi due true wirless. Queste cuffie non hanno nessuna particolare tecnologia, ma hanno la comodità di essere senza filo e con microfono, così ognuno di noi può portarsele in giro e metterle sotto carica tramite la custodia. Sfortunatamente 25 ore di autonomia possono essere pochi, inoltre la resistenza ad acqua e polvere non è grandissima. Per non parlare del fatto che se si usano in giro e c’è troppo rumore la musica praticamente non si sentirà e il microfono che hanno ancora peggio, quelli dall’altra parte del telefono sentiranno praticamente solo i rumori esterni e non la voce. Così sarete costretti a passare con il telefono. Inoltre questo modello Aukey con le gambette simil Airpods provocano la caduta facile dall’orecchio perchè il gommino spesso non si adatta bene.

Discorso molto simile per queste Xiaomi con poche differenze. La differenza sostanziale positiva sta nel fatto che essendo queste cuffie senza gambino aderiscono meglio all’orecchio, ma esse sono più lunghe nella parte alta e risultano quindi essere leggermente più pesanti, seppur molto adatte ad una fascia consumer. Infatti anche con la mancanza di bassi e alla durata di soli 12 ore. Le cuffie con questa fascia di prezzo risultano essere un ottimo regalo di natale per amici e parenti, che vogliono entrare in questo ottimo mondo comodo delle cuffie Wirless.

Fascia sotto i 100€

Su questa fascia mi mantengo ancora con le Aukey, questo perchè seppur trovo ancora scomode queste cuffie con il gambino che hanno la cadenza a cadere. Esse hanno il lato positivo di avere una durata di 35 Ore, la ricarica tramite Type C. Ma il lato migliore di queste cuffie sono i 4 microfoni così da avere molti meno problemi nella chiamata, e la cancellazione attiva del rumore. Seppur essendo comunque cuffiette piccola taglia, la cancellazione arriva fino ad un certo punto. Insomma consigliate a tutta l’utenza che utilizza cuffie ogni giorno per uscire. Ma il lato negativo c’è sempre ed in questo caso è la stessa custodia che risulta essere abbastanza ingombrante.

Molto simili alle Aukey ci sono queste Huawei Freebuds 3i, che in poche parole è la fascia bassa delle freebud 3. Infatti risultano essere praticamente identiche alle Aukey sopra citate, con il vantaggio della connessione automatica e immediata sui dispositivi Huawei e un design più elegante e professionale (disponibili anche in colorazione nera). Per non parlare della custodia che è più bassa e più lunga. Personalmente la trovo migliore.

Fascia di prezzo sotto i 200€

Inutile non citare su questa fascia di prezzo le ormai nuove Samsung Galaxy Buds Live. (Samsung perchè fai sempre noi così lunghi?!). Queste cuffie hanno uno strano design, che vorrei provare prima possibile. Inoltre tramite l’applicazione della Samsung con queste cuffie potrete ottenere ottimi effetti, per usare le cuffie al vostro meglio, per non parlare delle dimensioni ristrette sia delle cuffie che della cover. Ma il prezzo riduce le possibilità di acquisto a molte persone.

Un ulteriore modello che io in poche parole ADORO. La compatibilità con Google assistant, Alexa e Siti. Rende queste cuffie ottime dal mio punto di vista, per l’uso che ne farei io. Non a caso amo utilizzare gli assistenti intelligenti e ho quasi un google home per ogni stanza di casa mia, tranne il bagno e la cucina. La cosa che mi frena da acquistarli non è la tecnologia, ma il prezzo e la dimensione della custodia, ben più brande di quelle che ho avuto fin’ora.

Inutile non citare le ormai famose AirPods, devo dire che personalmente le ho provate solo per 5 minuti circa. Avevo il timore che la mancanza dei gommini (poi aggiunti nella versione Pro) mi avrebbe provocato problemi, invece non è stato così. Infatti appena le ho indossate non solo non hanno dato segni di cedimenti, ma avevano un’ottima qualità sonora, degna di concorrenza con le cuffie Sony sopra citate. Insomma non l’avrei mati detto ma queste AirPods della Apple sono ottime cuffie Wirless, ma come le altre in questa fascia, il prezzo ci fa pensare più di due volte per un possibile acquisto.

Guida All’acquisto| On Ear

Fascia sotto i 50€

Tempo fa avevo regalato un modello molto simile ad un mio carissimo amico. (Quel modello era però con il filo), in quel periodo ancora le cuffie Wireless o Bluetooth non andavano come vanno ora ed infatti il mio amico le usò tantissimo finchè il filo rese inutilizzabile quel modello. Consiglio queste infatti non solo per il marchio Sony che risulta essere uno dei migliori nel campo audio, da tempo a questa parte (hanno inventato i walkman). Ma anche per la durata e per la compatibilità con Google Assistant e Siri. Poi il design è abbastanza semplice e i colori (bianco, nero e blu) sono ottimi per molte evenienze. Grazie al Bluetooth inoltre c’è la possibilità di collegarle sia al computer che allo smartphone così da essere utilizzabili ovunque.

Più o meno nella stessa fascia di prezzo ci sono queste JBL che però hanno una durata di batteria inferiore alle Sony. Il padiglione invece risulta essere leggermente più comodo, ma più “plasticoso” questo durante i periodi più caldi come quelli estivi può provocare una sudorazione maggiore, per non parlare delle lunghe sessioni di ascolto, che verranno presto interrotte dal fastidio che provocheranno questi padiglioni schiacciando l’orecchio.

Il design infatti è molto “cinesone” seppur l’azienda è una delle più famose nel campo audio. I colori infatti sono molti carini essendo disponibile in nero, bianco, blu e rosa.

Inoltre la tecnologia JBL pure bass sound rende i bassi di queste cuffie migliori delle Sony, quindi con un audio più pulito. Un ulteriore funzione importante è il Multipoint che permette il passaggio veloce e facile da un dispositivo all’altro.

Fascia di prezzo sotto i 100€

So che pur avendo un prezzo maggiore, la mancanza del bluetooth o del Wirless può essere un problema, ma queste cuffie della beats sono ottime sotto moltissimi punti di vista. Io stesso le ho prese circa un anno fa, quando erano in sconto. Come al solito beats i è dimostrata ottima nella costruzione e anche nel microfono inserito. Seppur come ho detto è nella fascia bassissima delle Beats quindi anche avendo un ottimo audio, esso ha molte mancanze, la più importante il Bluetooth.

Non ho mai provato le jambra ma mi è sempre piaciuto farlo. Sfortunatamente il loro design, per quanto risulta essere a molti gradito, io personalmente non lo amo più di tanto, anche se devo essere sincero, la mancanza del padiglione potrebbe da un certo punto di vista renderle più comode. Ma questo si potrà valutare solo acquistandole e provandole. C’è da dire che le 50 ore di autonomie non sono di certo poche, per l’uso che ne faccio io, riuscirei ad usarle circa 4 giorni senza bisogno di metterle sotto carica. Carica che risulta essere molto veloce infatti in un’ora e quindici minuti raggiungono quasi la carica massima. Grazie poi all’applicazione per smartphone, si può personalizzare l’ascolto nel migliroe dei modi.

Fascia di prezzo sotto i 150€

Queste cuffie a differenza delle precedenti hanno oltre google assistant e Siri anche Alexa che ultimamente si trova sempre in più dispositivi ed è sempre più utilizzata dai cittadini del mondo e ancora più in particolare dai cittadini Italiani. Poi grazie all’applicazione della Sony ognuno ha la possibilità di personalizzare i bassi e ci sono anche delle impostazioni predefinite per i vari tipi di ascolto. Poi anche grazie all’NFC e al Bluetooth si potrà evitare di utilizzare i cavi.

Queste cuffie non sono chissà che cosa, ma le ho volute inserire all’interno di questa lista semplicemente per il design cartonesco, e particolare che non solo hanno queste di colore nero, ma anche quelle che sono colorate. Insomma queste cuffie della ADIDAS, sono ottime e poi le potete anche abbinare alle tute. Ma direi che non sono consigliate per sport. Perchè non essendo messe all’interno dell’orecchio come le in-ear. Mentre si corre, e si salta i vari movimenti sposteranno con moltissima facilità le cuffie.

Fascia di prezzo sotto i 200€

Inutile non citare le Beats, ormai da anni le migliori nella fascia alta delle cuffie, non solo per l’ottima qualità ma anche per l’ottimo design e per i vari colori. Guardate queste, prevalentemente femminili, ma molto eleganti. Per non parlare che grazie al fatto che Beats fu acquistata da Apple ormai anni fa, questo modello ha all’interno l’ottimo chip H1 e un’ottima cancellazione del rumore.

Molto simili alle Beats ci sono queste Marshall, che hanno da sempre un’ottima qualità ma non solo hanno anche un design particolare che riporta alle oggetti degli anni ’80, ’90. Ma con una struttura degna dei migliori di questi ultimi anni. Marshall insomma è una delle aziende che si occupa di migliorare costantemente non solo la qualità, ma il design. Non è un caso che vorrei avere un bel sistema 5.1 nella mia sala cinema, con un design simile. Peccato che se anche esistesse, non potrei permettermelo.

Guida All’acquisto| Over Ear

Fascia sotto i 50€

Seppur l’azienda risulta essere poco conosciuta, vi posso assicurare che personalmente quando studio uso un paio di cuffie di questa marca, che vedrete nelle fasce successive. Infatti le Mpow risultano essere ottime, sia come qualità sonora che qualità costruttiva. Questo design è molto “chip” se devo essere sincero, ma la disponibilità nei colori, blu, nero, grigio e rosa è molto particolare. Inoltre per essere delle cuffie da fascia bassa, penso non si possa trovare di meglio, nelle over-ear che di solito hanno prezzi più alti.

Delle TaoTronics finora ho avuto solo un paio di cuffiette Bluetooth sportive con cavo in mezzo, devo dire che all’epoca per me erano ottime nel suono ed erano di fascia bassissima, quindi sono abbastanza sicuro che queste non deluderanno nessuno. Specie per il padiglione che come potete notare dalla foto è molto grande ed è fatto di una simil-pelle che ha una qualità ottima. Per non parlare del fatto che su questa fascia di prezzo è difficile trovare la cancellazione del rumore nelle cuffie e queste le hanno, seppur non entro in merito perchè potrebbe non funzionare benissimo.

Fascia sotto i 100€

Queste H12 le ho comprate proprio quest’anno a metà ottobre, perchè mi sono ritrovato a studiare solo con un paio di cuffie con filo on-ear che mi risultavano fastidiose dopo lunghe sessioni di ascolto, ed essendo che lo studio di solito si prolunga per ore e visto che adoro ascoltare musica quando studio, oppure seguo le lezioni online tramite le cuffie, per non disturbare i miei coinquilini. Cercavo un paio di cuffie che potesse essere comodo, di ottima qualità sonora, con il bluetooth, così da poterlo usare anche sullo smartphone, che avesse un’ottima batteria ma anche un ottimo microfono per parlare. Ma la cosa più importante era il budget che non era proprio altissimo. Devo dire che in questo caso ho trovato un paio di cuffie più che ottimo per ciò che cercavo. Hanno anche un ottima cancellazione del rumore esterno

Molti miei amici che però amano il design più che ogni altra cosa, mi hanno criticato il design delle mie cuffie, devo dire che fortunatamente la Mpow ha molte cuffie simili all’interno e con un design diverso. Ma per non intappare sempre nella stessa azienda ho scelto queste Taotronics che sulla carta hanno caratteristiche molto simili se non quasi uguali alle Mpow, con un design però più lineare e professionale. Posso però dire che comunque il design è molto personale e io amo entrambi, ma quando ho acquistato le Mpow esse erano in sconto e devo dire che il design non mi dispiace anzi addirittura potrei dire di preferirlo in qualche modo a queste TaoTronics.

Fascia sotto i 150€

Come vi ho detto poco fa, le cuffie Over Ear hanno solitamente prezzi alti, questo perchè di solito sono quelle che hanno le tecnologie migliori e quindi la migliore qualità audio, avendo molto più spazio per mettere i chip. Come infatti avrete notato siamo arrivati a più di 70€ senza nominare marchi famose o tecnologie particolari, tranne la più importante cancellazione del rumore. Finalmente a 120€ sbuca fuori un marchio famoso. Queste Sony Wh-Ch710N (mai capito perchè Sony fa nomi così strani?!), si possono infatti vantare non solo di una cancellazione del rumore esterno migliore tramite due microfoni ma anche del chip NFC che aiuta lo smartphone ad accoppiarsi con le cuffie con molta velocitàà e facilità.

Giusto per dare anche delle alternative vi consigliamo queste Sennheiser. marchio che da sempre si è messo davanti a molti altri per la loro fama nella creazione di ottime cuffie anche per la visione di film, con un ottimo bilanciamento di alti, medi e bassi, che permettono di coinvolgerti meglio all’interno delle scene di un film. D’altronde sono anche i migliori nel campo dei microfoni professionali per spettacoli.

Fascia sotto i 200€

Appena ho visto queste Sony, sono corso qui a consigliarvele, per moltissimi fattori, iniziando dal design che io AMO. Con quelle linee all’interno del padiglione, esse risultano essere oltre che professionali, anche in un certo senso innovative. Poi le solite cose, Bluetooth, NFC, 35 ore di autonomia. Ma queste in più oltre alle precedenti hanno la compatibilità con google assistant, Siri e Alexa. La cosa più importante che esce fuori in queste cuffie però è la tecnologia Hi-Res ancora molto utilizzato nei sintoamplificatori casalinghi per coloro che si costruiscono un Home Theater e che comunque moltre volte vogliono utilizzare le cuffie e non le casse per non disturbare i vicini. Poi sono disponibili in moltissimi colori, Blu, Nero, Rosso, Arancione e Verde.

Menzione d’onore

Queste Sony Wh-1000XM4 hanno bisogno una menzione d’onore sia per il design elegante, pulito e con quelle finiture d’orate. Ma non solo, la tecnologia messa all’interno di queste cuffie le rende tra le migliori cuffie acquistabili, seppur il prezzo frena l’acquisto, posso assicurare che essere sono con molta probabilità LE MIGLIORI CUFFIE che si possono acquistare in questo dicembre 2020. Qualità audio più che ottima, tecnologia speak to chat che mette in pausa la musica automaticamente quando si avvia una discussione. Una funzione che spegne le cuffie automaticamente se esse non vengono indossate e la possibilità di collegarle a due dispositivi contemporaneamente. Insomma non esiste niente di meglio

Guida All’acquisto| Gaming

Fascia sotto i 50€

Trovare delle cuffie da Gaming sotto i 50€ non è di certo una missione facile, impossibile se le cerchiamo wirless, infatti i due modelli che ho trovato sono entrambi con il cavo. Quello a destra con licenza ufficiale Sony Playstation. Quelle a sinistra invece con la tecnologia digitale 7.1. Una tecnologia che emula 7 casse attorno alla persona che le indossa così da capire da dove arrivano i rumori nel videogioco e non avere problemi a colpire il nemico. Esse però si collegano tramite Usb e anche tramite Jack, occupando due porte nel computer. Ma fornendo un’ottima qualità a questa fascia di prezzo.

Fascia sotto i 100€

Non potevo di certo non inserire queste cuffie in questa fascia di prezzo. Hanno infatti moltissimi lati positivi, iniziando dal design molto meno chip delle precedenti Logitech, anzi direi addirittura professionali. Di sicuro di solito le cuffie da gaming hanno i led e risultano essere più “cartoon”, ma queste invece le amo, sono bellissime e poi sono fatte di alluminio e acciaio che aumenta la qualità costruttiva. Poi c’è da dire che sono pure wireless quindi ancora più adatte. Ma sfortunatamente non hanno un 7.1, nemmeno digitale. Solo uno stereo che potrebbe provocare leggeri problemi in gaming.

Consiglio quindi queste Corsair per avere il 7.1, sfortunatamente come la precedente fascia anche esse hanno il filo, ma hanno una qualità costruttiva migliore, anche nel microfono componente importante quando si va a giocare online con altri ragazzi. (A Proposito se volete giocare con noi sia guardandoci sia giocando con noi potrete trovarci su Twitch). Per non parlare poi del colore bianco che è molto legante e pulito, con il led rgb personalizzabile con il logo della corsair nel padiglione.

Fascia sotto i 150€

Acquistai il modello precedente di queste cuffie anni fa. Le Logitech G933 e da allora ogni volta che gioco continuo ad usare queste. Ottime funzionalità primarie e secondarie, costruite ottimamente, e adatte per ogni evenienza e per ogni console. Per non parlare del 7.1 digitale e del DTS: X digitale. Che meraviglia mi permettono non solo di giocare ma di guardare un film come se fossi in un cinema ben costruito. Poi specialmente per ora che sono scontate, SUPER CONSIGLIATE.

Queste cuffie sono molto simili alle G933, ma hanno un design più elegante e molti meno led, per chi vuole giocare, ma non vuole comunque essere un albero di natale. Unico neo è la versione del DTS: X che è nella 1.0 e invece le G935 sono nella 2.0, molto molto superiore. Inoltre hanno difficoltà di compatibilità con Xbox, e Switch.

Fascia sotto i 200€

Su questa fascia ho deciso di inserire un solo modello di cuffie. Queste Astro A40, ho regalato l’anno scorso per il diciottesimo di mio fratello le Astro A20. Ottime cuffie sotto ogni punto di vista, primo tra tutti la comodità e la leggerezza dei padiglioni che indossati pure in periodi estivi non fanno sudare l’orecchio e non risultano fastidiosi, invece in questi periodi invernali tengono caldi. Queste hanno lo stesso tipo di tessuto. Per non parlare del design un po’ “esagerato” ma d’altronde i gamer siamo così un po’ “esagerati” nel nostro modo di fare.


Detto questo vi ringrazio per aver letto e seguito questo articolo a cui ho impiegato un lunghissimo giorno per scriverlo, ma sono soddisfazioni se potrò aiutare almeno una persone per scegliere un possibile regalo, oppure un paio di cuffie per se stesso. Vi avviso inoltre che se cliccare sulla foto vi riporta su amazon.it dove potrete acquistare le cuffie e noi prenderemo un piccola percentuale senza che voi pagherete niente in più. Aiutandoci a mantenere le spese del sito internet e a migliorare.

Inoltre vi chiediamo di seguirci sui vari social e di suggerirci articoli di vostro gradimento. Grazie mille.

Commenti