Sappiamo tutti che quest’anno è stato molto particolare. Non solo per la pandemia, ma per le conseguenze di essa. Una tra le tante sono state le persone costantemente collegate sul web, non potendo fare nulla per il lockdown. Questo ha fatto pensare a tutti coloro che come noi lavorano sul web.

Per chi non lo sappia, ci sono vari modi per guadagnare con un sito. Il più comune è quello di fornire gratuitamente l’accesso inserendo la pubblicità. Per farlo quindi si devono portare sempre più persone a più articoli. Così il guadagno aumenta.

Quando un sistema funziona così e le persone sono MOLTO curiose su un argomento ecco che ci si approfitta dell’occasione. Come? vi chiederete. Semplice, basta creare sempre più articoli e metterli sul web, parlando dell’argomento che va in tendenza, in questo caso “Covid”. Ed ecco che le FAKE NEWS sono aumentate in modo esponenziale.


Come può agire un sito

Da quel che se ne dica, ogni persona ha lo scopo di portarsi a casa dei soldi ogni mese, quindi ogni giornale, blog o qualsiasi altra cosa, proverà a fare di più per guadagnare, anche se non dovesse essere la loro missione principale.

Ma oltre questo discorso, è vero che per guadagnare con il web, le soluzioni sono comunque queste ed è difficile cambiarle.

Alcuni giornali decidono di dare un massimo di articoli che si possono leggere in un determinato lasso di tempo, e superando quello le persone devono pagare per poterne leggerne altri.

Alcuni siti decidono di aggiungere degli abbonamenti che rimuovo la pubblicità e che forniscono funzionalità aggiuntive all’utente.

Ma siamo sempre lì in un modo o nell’altro l’utente dovrà pagare, almeno che non si decide di inserire solo la pubblicità. Quindi più ne inserisci, più le persone probabilmente cliccheranno. Quindi lo scopo poi diventa fare più articoli, far entrare più persone e inserire più pubblicità.

Perchè vi assicuro che esistono così tanti siti che avere un minimo di guadagno non sarà per niente facile.

Ed ecco che per soldi molti tendono a fare tante notizie, a volte senza la fonte. Ma le Fake News non provengono solo da li.


Da dove provengono le Fake News

Premetto che non voglio colpevolizzare nessuno e che quello che sto scrivendo solo solo pensieri fruttati dalle mie ricerche, d’altronde questo alla fine è un blog, non un giornale.

Quindi anche se un sito aggiunge articoli con il solo scopo del guadagno, non ci vedo nulla di male. Ognuno ha diverse missioni. Noi per esempio cerchiamo di semplificare tutto ciò che è il mondo informatico e spiegarlo con parole semplici e se possibili concise. Altri avranno altre missioni.

Le Fake news nascono dal fatto che c’è molta poca conoscenza su internet, quindi le persone tendono a condividere non controllando nulla.


Internet e le Fake News

Noi del sito Saveriodangelo.it ci impegniamo a non creare e a non diffondere Fake News, per questo motivo alla fine di ogni articolo inseriamo le fonti delle informazioni. Molti social si sono impegnati alla lotta contro le Fake News, inserendo dei banner come quelli che potete vedere nella foto in basso, che avvisavano che quella si trattava di una Fake News. Ma i social sono pienissimi di persone e di notizie, controllarle ad uno ad uno risulterebbe una cosa impossibile, quindi spesso e volentieri il software che dovrebbe trovarle, non funziona.

Illudere quindi un software automatico è molto semplice. A sto punto c’è da farsi come può l’essere umano comune distinguere e combattere le Fake News?


Come distinguere le Fake News

Per me ci sono alcune regole:

1. Controllare L’URL

Forse non sapete cos’è un URL, quindi cercherò di spiegarvelo con un’immagine.

Come potete vedere oltre la scritta “Non sicuro”, il nome del sito è molto ma molto simile all’altro, differisce solo per una lettera messa in un posto errato. Un utente che non controlla bene può pensare di aver scritto bene, o addirittura vedendo l’articolo su Facebook potrebbe non controllare bene la fonte e quindi credere a ciò che ci sia scritto.

Quindi uno dei nostri consigli più importanti è CONTROLLATE sempre l’URL, perchè spesso molti cercano di farlo simile oppure di copiare il design per convincere le persone a leggere, acquistare o cliccare. Questo non avviene solo con le Fake News, ma anche con siti di compravendita come Amazon.

2. La seconda regola invece è quella di leggere TUTTO l’articolo e non soffermarsi leggendo un titolo come può essere quello in basso.
Questo è un articolo scritto e condiviso da FanPage, non siamo responsabili e non diamo opinioni su ciò che è stato scritto all’interno.

Lo scopo del titolo è quello di incuriosire l’utente per convincerlo a leggere l’articolo, ma va letto. Nessuno può dire di aver capito tutto ciò che c’è scritto solo leggendo il titolo, perchè potrebbero e penso che probabilmente ci saranno molti dettagli che nel titolo non possono essere scritti.

3. Controllare tutto il sito fino in fondo alla pagina

Come potete infatti notare, nel sito di Lercio, in fondo al loro sito internet c’è un banner che avvisa il fatto che tutti gli articoli sono creati esclusivamente per scopo umoristico e satirico. La maggior parte di siti che crea infatti queste notizie che potrebbero in qualche modo realizzarsi, mettono uno di questi banner per avvisare che la notizia è falsa.

4. Controllare online

Non tutti i siti internet, inseriscono la fonte, ma molti giornalisti comunque scrivono uno stesso articolo quando ricevono la notizia, e siccome ogni giornalista ha la sua fonte. Se quindi non siete sicuro che la notizia sia vera, vi consiglio di cercarla su Google nella sezione News e vedere se più giornalisti e più siti internet l’hanno scritto. Quindi probabilmente la notizia sarà vera.

5. Protocollo di sicurezza

Assicurati che sia presente il protocollo di sicurezza https e che l’URL sia corretto. Spesso i siti che propongono contenuti di bassa qualità utilizzano URL ingannevoli molto simili a nomi di fonti autorevoli e popolari.

6. Non condividere prima di leggerlo tutto

Infatti l’ultimo consiglio che mi ritengo di dare è quello di riflettere prima di condividere o commentare. D’altronde, battute, ironia e molte altre cose non sono semplici da capire se sono scritte, per questo consiglio l’utilizzo di smile adatti.


Conclusioni

Infine quello che vi posso dire, che come in ogni cosa c’è chi ha una missione, c’è chi pensa a guadagnare. Internet può ed è un posto bellissimo. Ma può ed è un posto dove si possono avere moltissimi problemi se esso non si sa usare. Quindi vi consiglio di controllare bene, perchè l’uomo che sa più cose avrà più probabilità di non diffondere menzogne. Invece chi sconosce fa un danno.

Vi chiederete quali danni può portare una Fake News? Bhè la risposta la potrete ottenere guardando questo documentario.


Fonti

Commenti